Visite al sito:1119044
 
  • Nueva Colombia Noticias llega a Colombia
     
  • No es ideología, son derechos
     
  • "La Paz llegó para quedarse"
     
  • Banda Bassotti: omaggio ad Alfonso Cano
     
  • Nuestra arma será la palabra
     
  • ¡Se acabó la guerra, vamos todos y todas a construir la paz!
     
  • ¡Ganamos la Paz!
     

Guarda altri video

04/10 - PLEBISCITO: VINCE IL NO ALL'ACCORDO DI PACE

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampa




Lo scorso 2 ottobre in Colombia si sono svolte le consultazioni per il plebiscito relativo all'accordo di pace fra FARC e governo.
Inaspettatamente, il risultato delle votazioni ha riportato la vittoria del NO, con una percentuale del 50.2%.
Tra i diversi fattori che hanno pesato su questo risultato, oltre alla cronica astensione (circa il 63 % degli aventi diritto non si è presentato alle urne) c'è evidentemente l'importante capacità della parte di oligarchia schierata per il no,
capeggiata dal narco ex presidente Uribe, di coagulare e motivare il proprio blocco elettorale, quel ceto medio urbano spesso lontano dalla guerra e dai suoi effetti, assolutamente conservatore se non reazionario, anticomunista in modo fanatico.
Il plebiscito, papocchio giuridico-istituzionale fortemente voluto da Santos, avrebbe dovuto ratificare a livello popolare gli accordi dell'Avana; ora la situazione si fa complessa, e risulta difficile immaginare come uscire dall'impasse.
Mentre piovono analisi e si sprecano fiumi d’inchiostro, non si può scartare nessuna impotesi. A iniziare da quella di un macabro patto tra Santos e Uribe per mettere all’angolo le FARC, imponendo una rinegoziazione degli accordi di pace per erodere ulteriormente le già limitate conquiste ivi contemplate, o attaccando a sorpresa le unità guerrigliere troppo frettolosamente predisposte al disarmo unilaterale. Unità guerrigliere che però, a quanto pare, si stanno disperdendo per evitare di essere facili bersagli di provocazioni o grandi operativi a tradimento per mano dei nemici giurati della pace con giustizia sociale.

Tuttavia, avverte la guerriglia, “si rende necessario accordare nuove misure che approfondiscano e consolidino questo processo di riduzione di intensità del conflitto, affinché sia ogni volta più remota la possibilità che questo sforzo possa essere vanificato”.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Altri Clamori dalla Colombia...