Visite al sito:1119044
 
  • Nueva Colombia Noticias llega a Colombia
     
  • No es ideología, son derechos
     
  • "La Paz llegó para quedarse"
     
  • Banda Bassotti: omaggio ad Alfonso Cano
     
  • Nuestra arma será la palabra
     
  • ¡Se acabó la guerra, vamos todos y todas a construir la paz!
     
  • ¡Ganamos la Paz!
     

Guarda altri video

LA PRETESTUOSA POLEMICA DEL GOVERNO SANTOS PER LA PRESENZA DI COMANDANTI DELLE FARC NELLA GUAJIRA

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampa



Negli scorsi giorni, l'ultradestra colombiana ha sollevato una polemica campagna, alla quale si è affrettato ad aderire Santos, per denunciare presunte intimidazioni e “proselitismo armato” delle FARC, utilizzando come pretesto la presenza di membri della Delegazione di Pace dell'insorgenza a El Conejo, nel settentrionale dipartimento della Guajira. Alcune immagini dei portavoce della guerriglia e di guerriglieri armati, circondati dalla popolazione locale che li acclamava, hanno scatenato l'ennesimo show mediatico dell'oligarchia.
Come ribadito dal Segretariato delle FARC in un comunicato, la presenza dei portavoce della delegazione guerrigliera, capeggiati dal Comandante Iván Márquez, è motivata  dalla necessità di “comunicare i passi in avanti del processo di pace ai guerriglieri e alle masse”. In sostanza, è ciò che le parti avevano precedentemente accordato e denominato “pedagogia di pace”.
Il vero scandalo è piuttosto che, nel paese dei record degli omicidi politici che falcidiano da decenni l’opposizione politica e sociale al regime oligarchico, si gridi allo scandalo se alcuni massimi dirigenti delle FARC dispongono di un dispositivo di guerriglieri che li protegga, tanto più in un contesto complessivo in cui il governo colombiano non solo non ha ancora firmato un cessate il fuoco bilatrerale, ma si nega altresì a combattere risolutamente il dilagante paramilitarismo; il quale peraltro è diretto, sponsorizzato e patrocinato dalla medesima cricca di uribisti e alfieri del regime che danno in escandescenza per la presenza di una scorta guerrigliera a El Conejo.
In realtà, i guerrafondai narco-uribisti fanno di tutto per far fallire i dialoghi, terrorizzati proprio dall'idea dell'agibilità politica di cui guerriglia e movimento popolare dovrebbero godere qualora le parti arrivassero a sottoscrivere un trattato di pace.
Da parte sua, Santos ha bisogno di addebitare all'insorgenza la mancata firma del suddetto trattato entro la scadenza di marzo, che il governo stesso ha reso chimerica fin dall’inizio con un atteggiamento ostruzionistico, unilateralista e arrogante al Tavolo dei Dialoghi dell’Avana. La firma di un accordo finale ha evidentemente bisogno di tempi fisiologici che Santos non può imbrigliare per semplici ragioni propagandistiche: per sciogliere i nodi di un conflitto politico, sociale ed armato che dura da oltre mezzo secolo, è necessario affrontare tutte ed ognuna delle questioni irrisolte in materia agraria, di partecipazione politica, di politiche sulle droghe, di meccanismi di approvazione popolare ed implementazione degli accordi raggiunti.
Gli uribisti, dal canto loro, sono piuttosto indaffarati e sulla difensiva per via del recentissimo arresto del fratello dell’ex presidente fascista Alvaro Uribe, Santiago, membro della cupola paramilitare “i 12 apostoli” ed accusato di omicidio aggravato ed associazione a delinquere.
La pretestuosa polemica amplificata da Santos e dai media oligarchici è soltanto una delle manifestazioni del desiderio onirico del regime di sconfiggere le FARC al Tavolo dei Dialoghi, come quello di vecchia memoria di spezzare la colonna vertebrale della guerriglia sul piano militare. Onirici entrambi, appunto.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Altri Clamori dalla Colombia...